Trimestrale Unicredit gennaio marzo 2010

di Redazione 1

Unicredit ha realizzato nel primo trimestre dell'anno utili pari a 520 milioni di euro, in crescita del 16,5% rispetto allo stesso periodo dello..

Unicredit ha realizzato nel primo trimestre dell’anno utili pari a 520 milioni di euro, in crescita del 16,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e superiore alle previsioni degli analisti, che avevano invece previsto utili per 364 milioni di euro.

Il margine di intermediazione ha superato i 6,8 miliardi (+3,7%) mentre il risultato lordo di gestione è salito del 6,9% a oltre 2,9 miliardi. Il margine di interesse è invece calato del 15,4% a 3,98 miliardi, le commissioni nette sono risultate in crescita del 17,5% a 2,2 miliardi mentre il trading è tornato ad essere positivo per 560 milioni, rispetto ai -94 milioni dello scorso anno.


I costi operativi sono saliti a 3,88 miliardi (+1,5%) mentre il rapporto costi/ricavi è sceso di 1,3 punti al 57%. In crescita anche i crediti deteriorati lordi, saliti del 4,3% a 60,1 miliardi, e le sofferenze lorde, in aumento del 4,2%. Nel periodo in esame sono stati effettuati accantonamenti su crediti per 1,8 miliardi, con un costo del rischio di 127 punti base. Il Core Tier I è all’8,45% dall’8,47% di fine 2009.

Nella nota attraverso cui sono stati diffusi i dati trimestrali Unicredit ha fatto sapere di essere esposta ai titoli di Stato di Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo per 1,6 miliardi.

Nel frattempo l’amministratore delegato Alessandro Profumo ha confermato che la banca ha dato mandato a BofA-Merrill Lynch e alla Divisione Corporate and Investment Banking di Unicredit di esplorare tutte le opzioni strategiche per Pioneer.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>