Atlantia ben vista dalle case di brokeraggio

di Redazione Commenta

Alcune case di brokeraggio hanno mantenuto la propria visione positiva sul titolo considerando che il rapporto tra l’attuale quotazione di Borsa ed il dividendo offerto dal titolo.

E’ sceso, ma non troppo, il traffico autostradale in Italia nei primi nove mesi del corrente anno. Il Gruppo Atlantia, quotato in Borsa a Piazza Affari, ha infatti reso noto, in base ai dati preliminari, che la controllata Autostrade per l’Italia ha fatto registrare nel periodo da gennaio ad agosto del 2011 un calo del traffico, anno su anno, pari ad appena lo 0,9%. Tale risultato, in particolare, è frutto di un calo del traffico dello 0,7% per i veicoli a tre assi, e dell’1% per quelli a due assi, ovverosia per le automobili e per i furgoni.

Questi dati sono stati oggi ben accolti dal mercato visto che attualmente le azioni Atlantia, nella sessione odierna di Borsa, sono scambiate in robusto rialzo. In particolare, il mercato probabilmente si attendeva risultati di traffico peggiori di quelli comunicati dalla società autostradale.



ACQUISTO AZIONI ATLANTIA CONSIGLIATO DA SOCIETE GENERALE

Come diretta conseguenza, alcune case di brokeraggio hanno mantenuto la propria visione positiva sul titolo considerando che il rapporto tra l’attuale quotazione di Borsa, ed il dividendo offerto, è appetibile.

AZIONI SU CUI INVESTIRE IN CASO DI RECESSIONE

D’altronde Atlantia, nei primi sei mesi del 2011, ha conseguito un utile pari a ben 437 milioni di euro, irrobustito anche dalla cessione della quota detenuta in Strada dei Parchi che ha generato una plusvalenza vicina ai cento milioni di euro. Nei sei mesi, inoltre, sono da un lato aumentati gli investimenti, con una crescita anno su anno del 15%, e dall’altro anche l’occupazione per effetto di un incremento dei dipendenti pari a quasi 500 unità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>