Seat Pagine Gialle probabile ricorso legge Marzano

di Redazione 1

Si è riunito il CdA di Seat PG.

Ieri si è riunito il Consiglio di Amministrazione di Seat Pagine Gialle, il quale però non è arrivato ad una conclusione sulla rinegoziazione del maxi-debito da 2,7 miliardi di euro.

Seat PG si trova in una situazione di default tecnico dallo scorso novembre quando decise di non pagare i 52 milioni di interessi del bond Lighthouse.


Non avendo ancora raggiunto un livello di adesione sufficiente per rendere efficace la proposta di ristrutturazione consensuale, il gruppo ha aperto la negoziazione agli obbligazionisti Senior Secured Bond (Ssn) con lo scopo di convogliare tutti i creditori sulla proposta di ristrutturazione.

SEAT PAGINE GIALLE DEFAULT

Inoltre entro la fine del mese di gennaio Seat PG dovrebbe presentare un nuovo progetto da sottoporre ai creditori. Se quest’ultimi non aderiranno allora la società farà ricorso alla Legge Marzano per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza.

LIGHTHOUSE SEAT PAGINE GIALLE

Seat PG ha confermato tuttavia le guidance sui ricavi e sull’ebitda per il 2011 oltre ad aver approvato l’aggiornamento delle linee guida 2011-2013 e delle proiezioni di stima al 2015. È previsto un calo dei ricavi totali tra il 5% ed il 7% anno su anno, una crescita dei ricavi dei prodotti online superiore al 50% ed un ebitda compreso tra 365 e 385 milioni di euro.

Infine il gruppo ha confermato l’intenzione di posizionarsi come una “local internet company” con i ricavi internet a circa il 65% nel 2013 e a circa l’80% nel 2015. Il margine operativo lordo al 2015 è stimato superiore ai 380 milioni di euro.

Commenti (1)

  1. riguardo la seat i soci attuali non la vogliono bene secondo il mio parere questi anno capito e una mucca da mungere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>