Risultati anticiclici per Banca Etica

di Redazione Commenta

Banca Etica lo scorso anno ha riportato una crescita del 24% dei crediti erogati unitamente ad una raccolta di risparmio balzata del 12%.

Mentre molti istituti di credito italiani ed europei annaspano nel concedere credito alle imprese ed alle famiglie, e nell’acquisire quote di risparmio degli italiani da gestire, Banca Etica lo scorso anno ha riportato una crescita del 24% dei crediti erogati unitamente ad una raccolta di risparmio balzata del 12%.

A darne notizia è stata proprio Banca Etica nel sottolineare il proprio ruolo anticiclico in una fase come quella attuale caratterizzata da una crisi economica molto grave. Nel dettaglio, a valere sull’intero 2011 Banca Etica ha erogato crediti per 540,8 milioni di euro, ed ha raccolto risparmio per 717 milioni di euro a fronte di una crescita dei volumi confermata per il terzo anno consecutivo. Bene anche il capitale sociale dell’istituto che, con un +14% anno su anno, è allo stesso modo cresciuto nel 2011 a due cifre.



ABI CRITICA SCELTE EBA SULLE BANCHE

Ugo Biggeri, il presidente di Banca Etica, ha innanzitutto sottolineato come la finanza etica non sia complice delle cosiddette bolle finanziarie. Pur tuttavia anche il mondo della finanza etica risente degli effetti della grande crisi ragion per cui questo settore andrebbe agevolato piuttosto che essere soggetto sia ad un peggioramento delle imposizioni fiscali indiscriminato, sia a normative che anche per gli istituti di dimensioni medio/piccole impongono requisiti di capitalizzazione più stringenti e più consistenti.

CRISI PEGGIORE DEL POST-LEHMAN

Mario Crosta, il direttore generale di Banca Etica, ha invece messo in risalto come l’Istituto anche nel 2011 abbia continuato a sostenere l’economia sana rappresentata dal sostegno a quelle imprese sociali che garantiscono solidarietà, efficienza ed inclusione sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>