Borse europee, nuovo stop dopo il rally

di Carlo Valuta Commenta

Oggi il greggio ha invertito la rotta e in Cina sono tornati a farsi sentire i timori per la crescita economica, che sono purtroppo un contributo per azionare le vendite sui mercati.

Le Borse si fermano nuovamente dopo il rally di ieri, che ha prolungato l’andamento positivo della scorsa settimana grazie al consolidamento dei recuperi del petrolio.

Oggi il greggio ha invertito la rotta e in Cina sono tornati a farsi sentire i timori per la crescita economica, che sono purtroppo un contributo per azionare le vendite sui mercati. Proprio le azioni cinesi hanno guidato i ribassi dei mercati asiatici, in scia dei quali si sono mossi quelli Europei. Milano oscilla sopra e sotto la parità e cede lo 0,2% a metà giornata. In rosso anche gli alti listini: Parigi -0,5%, Francoforte -0,9% e  Londra-0,6%.

Sul fronte valutario, lo yuan si è nuovamente indebolito dopo che la Banca centrale cinese ha abbassato il tasso di cambio di riferimento dello 0,17%, il maggior ritocco da un mese e mezzo, dopo i dati sul manifatturiero ancora in calo. Resta la fase di debolezza della sterlina, sulla quale pesano i timori diBrexit: la divisa britannica scambia in area 1,41 contro il dollaro, dopo aver messo insieme la peggior discesa dal 2009 nella seduta della vigilia. L’euro si stabilizza in area 1,10 dollari, mentre lo spread Btp-Bund è in area 135 punti base, stesso valore di ieri in chiusura, con i Btp che rendono l’1,51%. Come accennato, il petrolio è in calo, anche in scia delle previsioni dell’Aie secondo le quali il mercato troverà un riequilibrio solo nel 2017. I contratti sul greggio Wti con scadenza ad aprile cedono circa 2 punti percentuali a 32,6 dollari; il Brent torna invece a 34 dollari il barile.

In mattinata, la Borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso, a causa soprattutto del rafforzamento dello yen che mette in difficoltà l’export. L’indice guida Nikkei dei 225 principali titoli ha perso lo 0,37%, chiudendo a 16.052,05 punti. Bilancio giornaliero in negativo anche per la Borsa di Shanghai, con l’indice Composite sceso a 2.903,33 punti (-0,81%), mentre Shenzhen ha lasciato sul parterre lo 0,58%.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>