I brand di maggior valore economico nel 2016

di Carlo Valuta Commenta

Ecco quali sono i marchi più conosciuti, i brand di maggior valore economico nel mondo nel 2016. Tra new entry e conferme.

Sapete quali sono i marchi più conosciuti del nostro mondo globalizzato, i brand di maggior valore economico nel 2016 che continuano ad attirare le simpatie dei clienti e degli investitori di tutta la Terra? Si tratta di una risposta per certi versi semplice da dare, per certi altri più complicata. Questo perché nella lista dei marchi più conosciuti del 2016 ci sono tante inevitabili conferme ma anche delle interessanti new entry. Ecco quali sono.

500_apple-grey

I marchi più conosciuti nel 2016

  1. Apple 

  2. Google 

  3. Coca – Cola

  4. Microsoft

  5. Toyota

  6. IBM

  7. Samsung

  8. Amazon

  9. Mercedes-Benz

  10. General Electric.

A redigere questo elenco è stato Interbrand, che ha preso in considerazione i 100 brand più conosciuti al mondo stilando una classifica da cento posti, la Best global brands 2016. Al vertice della lista troviamo ad esempio Apple e Google, due marchi oggi conosciuti davvero in tutto il mondo, una conferma che non lascia spazio a dubbi.

Come si più notare le prime posizioni di questa incredibile hit parade economica sono occupate dalle grandi multinazionali della new economy. La società di Cupertino e il motore di ricerca più utilizzato al mondo si attestano rispettivamente al primo e al secondo posto per il quarto anno consecutivo. Al terzo posto troviamo uno storico brand del settore alimentare, che non necessita di presentazioni neanche al Polo Nord o in Sierra Leone: Coca – Cola.

All’interno della top ten non compaiono altri marchi in forte crescita a livello globale. Nel corso del 2016 brand come Facebook (+48%), Lego (+25%), Nissan (+22%) e Adobe (21%) hanno mostrato un tasso di crescita più elevato e dunque un più alto grado di competitività che potrebbe presto far loro guadagnare ulteriori posizioni.

All’interno di questa classifica italiana non mancano poi alcune speciali glorie italiane, che in alcuni casi segnano un felice progresso nella Top 100. Si tratta di Gucci (che per quest’anno si attesta al 53esimo posto), pur appartenendo alla francese Kering, e di Prada (che si colloca all’81esimo posto), perdendo un po’ del suo precedente valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>