Fiat, Marchionne spiega l’acquisizione di Chrysler

by Redazione Commenta

 La Borsa Italiana oggi segna un marginale rialzo con andamenti altalenanti sul listino di Piazza Affari che vede i titoli del segmento lusso in ordine sparso: bene Tod’s (+0,7%) e soprattutto Luxottica (+3,3% a 38,67 euro) sulla quale Citigroup ha alzato il target price a 45 euro, con raccomandazione “buy” (acquistare) confermata. Come riporta l’analisi di Fta online, in ulteriore flessione invece Ferragamo (-1,6%): gli analisti di Mediobanca hanno deciso di peggiorare il giudizio sul titolo a “underperform” (farà peggio del mercato/settore) dal precedente “neutral”. Vendite anche su Brunello Cucinelli (-2,7% a 23,18 euro) in scia alla decisione di Societe Generale di avviare al copertura sul titolo con raccomandazione “sell” (vendere) e target a 18,00 euro.

> Chrysler ora appartiene alla galassia Fiat

Ancora positivi i bancari con BP Emilia Romagna (+2,3%) in evidenza grazie a indiscrezioni riportate da MF relative all’ipotesi di cessione di un portafoglio di mutui per 200/240 milioni di euro. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità del portafoglio crediti e rafforzare la solidit à patrimoniale in vista degli stress test della BCE.

> Fiat grande balzo a Piazza Affari

Incerta BP Milano (-0,8%) su indiscrezioni di stampa in base alle quali la nomina del consiglio di gestione potrebbe slittare di qualche giorno rispetto alla data fissata al 14 Gennaio. La Banca d’Italia avrebbe infatti sconsigliato la nomina di Fabrizio Viola, attuale a.d. di Banca MPS (+0,1%) e candidato preferito dal presidente del cds Giarda, a consigliere delegato. A questo punto il papabile per la carica è Giuseppe Castagna (ex Intesa Sanpaolo, in precedenza proposto dall’azionista Investindustrial), con Mario Anolli presidente del cdg.

Fiat (-0,2%) poco sotto la parità nonostante l’intervista a Rebupplica dell’a.d. Sergio Marchionne in cui il manager ha sottolineato l’importanza dell’acquisizione del 100% di Chrysler e prospettato il rilancio di Alfa Romeo e il rientro di tutti i lavoratori dalla cassa integrazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>