Ricorso Lottomatica accolto dal Consiglio di Stato

di Stefania Russo 1

Il titolo Lottomatica vola a Piazza Affari posizionandosi in cima al listino, ad innescare le vendite sul titolo che segna una crescita del 2,56% a 14,39 euro per azione..

Il titolo Lottomatica vola a Piazza Affari posizionandosi in cima al listino, ad innescare le vendite sul titolo che segna una crescita del 2,56% a 14,39 euro per azione è stata la tanto attesa decisone del Consiglio di Stato che ha deciso di accogliere i ricorsi relativi alla vicenda Gratta e Vinci presentati dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato e dal Consorzio Lotterie Nazionali, di cui Lottomatica detiene il 63%.

La notizia è stata diffusa da Lottomatica attraverso una nota in cui viene specificato che le motivazioni della decisione del Consiglio di Stato non sono ancora disponibili.


Il ricorso era stato presentato contro la sentenza del Tar del Lazio che in primo grado aveva dato ragione a Sisal annullando il bando di gara per la concessione del Gratta e Vinci aggiudicata a Lottomatica, Sisal aveva contestato il bando perchè non erano stati ammessi alla gara soggetti diversi dal consorzio guidato da Lottomatica.


In altre parole, quindi, a Lottomatica è stato dato l’ok perchè è l’unica società ad aver presentato un’offerta nella gara avvenuta lo scorso anno, non si esclude però una riapertura della gara soltanto per Sisal in quanto il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso incidentale limitatamente alla disapplicazione dell’art. 21 comma 5 della legge 102 del 2009, che prevede il periodo transitorio di gestione delle lotterie attuali da parte del Consorzio Lotterie Nazionali sino al 31 gennaio 2012, e delle clausole della procedura di gara che facevano riferimento a tale norma.

I Monopoli di Stato potrebbero dunque consentire a Sisal di presentare l’offerta di 400 milioni di euro e di partecipare alla gestione dei Gratta e Vinci insieme a Lottomatica, il bando prevedeva infatti un versamento di 800 milioni di euro che dovevano essere divisi tra le società interessate al bando, per un massimo di quattro.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>