Alitalia lontana dai traguardi prefissati

di Verna Vito Commenta

Alitalia non starebbe riuscendo a vendere gli asset meno redditizi e avrebbe, dunque, difficoltà a conseguire gli obiettivi prefissati.

La Compagnia Aerea Italiana, che ha preso il posto della decaduta Alitalia nei cieli internazionali, potrebbe non riuscire a raggiungere gli obiettivi prefissati, a fine 2009, per il 2010 ed il 2011.

PAREGGIO ALITALIA CONFERMATO NEL 2011


La ristrutturazione della compagnia aerea, infatti, passa anche dalla cessione degli asset meno remunerativi a società terze, sia appartenenti al gruppo che non, così da snellire la struttura, ridurre gli sprechi e concentrarsi sugli obiettivi primari che, poi, sarebbero semplicemente la riconquista, a livello europeo, della perduta leadership nel settore del trasporto merci e passeggeri.

PIANO DI RAFFORZAMENTO ALITALIA

Il problema vero, del quale ci stiamo occupando in questo articolo, riguarderebbe proprio la cessione dei suddetti asset operazione che, sino ad oggi, non si è mossa in alcuna direzione, rimanendo, immobile, sulle posizioni di 3 anni fa.

La situazione, dunque, si è notevolmente complicata per Alitalia che, sebbene abbia annunciato, non molto tempo fa, che sarebbe, molto probabilmente, riuscita a raggiungere gli obiettivi del 2011 in data utile, potrebbe vedersi rimanere lontano da tutto ciò e, per di più, con un ingente debito compreso tra 1 e 2 miliardi di euro.

PREVISIONI 2010 E 2011

Particolarmente complessa, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe la cessione di un lotto di terreni, immobili ed attività commerciali, dal valore approssimativo di circa 69 milioni di euro, tra i quali rientrerebbero la decadente, in termini di entrate, sede spagnola del gruppo (sita in Avenida Diagonal a Barcellona) e il florido, ma molto costoso, Centro Direzionale di Alitalia Servizi (sito in Viale Alessandro Marchetti a Roma).

Sul fronte delle controllate, invece, i problemi riguarderebbero la cessione di Egyptian Aviation Service Company, creata per fare concorrenza a Egypt Air ma ormai fallimentare, e la spinosa questione di Belac che, a seguito del fallimento di Alitalia vorrebbe uscire dalla joint venture sottoscritta nel 1998.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>