Prezzi alimentari sui campi ai valori di cinque anni fa

di Redazione Commenta

La CIA chiede che ci sia un maggiore controllo da parte delle Istituzioni verso l'agricoltura italiana.

Come ben sappiamo negli ultimi anni, anche a causa della crisi economica che ha colpito tutti i settori, i prezzi al dettaglio degli alimentari sono cresciuti in maniera considerevole.

Lo stesso aumento di prezzo però non è avvenuto anche nei confronti dei produttori di alimentari, infatti sui campi di produzione la tendenza è stata esattamente l’opposto, con prezzi sempre più bassi per gli agricoltori che producono gli alimenti che poi finiscono sui banchi con prezzi maggiorati all’infinito.

La CIA, Confederazione Italiana Agricoltori, ha voluto intervenire su questo scottante argomento, sottolineando come i prezzi che vengono applicati ad oggi ai prodotti degli agricoltori come cereali, ortaggi, frutta e vino siano molto più bassi di quelli applicati addirittura 5 anni fa.


Ovviamente una delle dirette conseguenze di questo calo dei prezzi è che le imprese agricole faticano, e proprio per questo motivo la CIA chiede che ci sia un maggiore controllo da parte delle Istituzioni verso l’agricoltura italiana, che continuando in questo modo potrebbe realmente andare verso periodo molto bui.

Come se non bastasse questo calo dei prezzi d’acquisto, ha influito in negativo anche l’eliminazione del bonus gasolio, che anche per colpa delle gelate, ha fatto crescere e non poco i costi di produzione degli agricoltori che coltivano in serra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>