Associazioni imprenditoriali contestano giudizio Moody’s

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Il downgrade di Moody’s sull’Italia rappresenta una valutazione destabilizzante. Ad affermarlo congiuntamente in data odierna sono state le principali Associazioni imprenditoriali del nostro Paese in virtù del fatto che l’Italia è un Paese solido, e che di conseguenza il giudizio di Moody’s è irresponsabile.

In particolare, secondo quanto recita una nota congiunta di Ania, Confindustria, Alleanza delle Cooperative Italiane e Rete Imprese Italia, queste hanno messo in risalto come gli sforzi messi in atto di recente dall’Italia per risanare i conti pubblici abbiano pochi eguali tra i Paesi industrializzati.



SETTORE BANCARIO IN RIALZO PER GARANZIE DELLO STATO SULLE BANCHE

Con la conseguenza che sul paventato rischio di contagio di cui parla Moody’s, l’Agenzia di rating ha sostanzialmente messo ogni elemento positivo in secondo piano. Ma non sono solamente le Associazioni imprenditoriali a contestare un downgrade, da parte di Moody’s, che porta l’Italia da un giudizio di “A3” a “BAA2” con outlook negativo.

POSSIBILITA’ DI DEFAULT MULTIPLI NELL’AREA EURO SECONDO MOODY’S

Ad esempio, Adusbef e Federconsumatori non escludono l’avvio di una class action proprio contro le Agenzie di rating visto che i danni a carico del sistema Paese, ovverosia dei cittadini sono dell’ordine di svariati miliardi di euro, ben 120 miliardi in accordo con le stime formulate dalla Corte dei Conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>