Tariffe 2013 pedaggi autostradali

di Redazione Commenta

A darne notizia nella giornata di ieri con un comunicato ufficiale è stata proprio la società quotata in Borsa a Piazza Affari.

Un aumento del 14,44% per il Raccordo Autostradale Valle d’osta, del 3,47% sulla rete di Autostrade per l’Italia, del 3,59% per la Tangenziale di Napoli, e del 5,01% per la Società Traforo del Monte Bianco. Sono questi per il 2013 gli incrementi tariffari relativi alle concessionarie italiane del Gruppo Atlantia S.p.A..

A darne notizia nella giornata di ieri con un comunicato ufficiale è stata proprio la società quotata in Borsa a Piazza Affari nel precisare che per la rete di Autostrade per l’Italia gli incrementi tariffari sono funzione degli investimenti effettuati e dell’inflazione.



PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ATLANTIA

Intanto i Presidenti di Adusbef e Federconsumatori, Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, appresi i rincari sui pedaggi hanno espresso tutta la loro preoccupazione visto che dopo anni di crisi il potere d’acquisto delle famiglie risulta essere oramai ridotto al lumicino.

BILANCIO PRELIMINARE ATLANTIA 2011

In particolare secondo le due Associazioni i rincari, essendo tra l’altro superiori in media all’inflazione, genereranno ricadute negative dirette ed indirette sulle tasche dei cittadini. I maggiori costi complessivi per il trasporto, infatti, andranno inesorabilmente ad innescare rincari sui prezzi dei beni a partire da quelli di prima necessità.

INVESTIRE PUNTANDO AI DIVIDENDI, OCCHIO AI RISCHI

Tra l’altro oltre ai rincari 2013 per i pedaggi le famiglie dovranno far fronte anche a tanti altri aumenti attesi o programmati. Dall’Rc auto ai servizi bancari e passando per la tassa sui rifiuti, i mutui, il canone Rai, le tariffe del gas e, come se non bastasse, anche gli aumenti dei biglietti dei mezzi del trasporto pubblico locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>