Azioni di borsa preferite da Pioneer Investments nel 2013

di Redazione Commenta

Intervenuto al 17-esimo Forum degli asset manager organizzato da Il Sole-24 Ore sugli scenari di mercato nel 2013, Giordano Lombardo di Pioneer Investments Management ha tracciato le sue linee guida per investire sul mercato azionario

Intervenuto al 17-esimo Forum degli asset manager organizzato da Il Sole-24 Ore sugli scenari di mercato nel 2013, Giordano Lombardo di Pioneer Investments Management ha tracciato le sue linee guida per investire sul mercato azionario. Il presidente della società di gestione del rissparmio del gruppo Unicredit, che a fine novembre 2012 aveva in gestione un patrimonio di 91 miliardi di euro, ha dichiarato di mantenere un “sovrappeso sulle azioni europee”. Lombardo ritiene che le valutazioni delle azioni europee siano interessanti. Inoltre, è una asset class che oggi nessuno vuole.

Lombardo sottolinea che il tema dei dividendi è centrale nella strategia di investimento in equity. L’esperto evidenzia che “se si guardano storicamente i dati per le azioni sia americane sia europee, il 70% del rendimento totale è dovuto ai dividendi”. Tra i titoli preferiti dall’esperto troviamo l’utility spagnola Gas Natural, molto sottovalutata e bistrattata nel 2012 per la crisi spagnola.

GESTORI DI FONDI PUNTANO SULLE BORSE NEL 2013

Lombardo ritiene che il management della società è forte, il dividendo è pari al 6% e il payout è molto alto (65%), oltre che sostenibile. Al guru di Pioneer piace anchela socità farmaceutica francese Sanofi, che ha un dividendo del 4-5% ma che potrebbe aumentare al 5-6% sopra la media del settore. La terza idea di investimento è il colosso britannico della telefonica mobile Vodafone, che ha un dividendo superiore al 6% e un cash flow molto importante.

AZIONI DI BORSA DA COMPRARE A PREZZI STRACCIATI NEL 2013

A Piazza Affari, invece, Lombardo segnala Atlantia, che ha un rendimento del 5,4%. L’esperto ritiene che il management riuscirà a mantenere il dividend yield su questi livelli. Lombardo ritiene che Atlantia, alla fine del 2013, potrà beneficiare della probabile ripresa dell’economia italiana grazie all’aumento della profittabilità dovuta a un maggiore traffico autostradale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>