Titoli di Stato, gli investitori puntano sull’Italia

di Carlo Valuta Commenta

Il nostro Paese rimane sotto controllo da parte dell’Unione Europea,  ma gli investitori stranieri ritornano a scommettere sui titoli di stato italiani, mentre lo spread Btp-Bund, è sceso ai minimi dal 2010 sotto i 180 punti base, ritornando così ai livelli pre-crisi, con il tasso sul titolo decennale sceso al 3,37%.

Sembra, quindi, che i mercati stanno dando nuovamente fiducia al nostro paese sul lungo periodo, dal momento che a un rendimento più basso coincide un minor rischio emittente, e la speranza è che i tassi si fermino su questi livelli anche nei prossimi dieci mesi. Stando agli economisti di JPMorgan, i bond governativi dei paesi periferici dell’euro, in generale, continuano ad essere una scommessa.

Titoli di Stato, in Grecia e Portogallo buoni rendimenti

Secondo Gianluca Salford, strategist per il reddito fisso del colosso bancario americano, come riporta CorrierEconomia, un successivo calo dello spread tra i titoli a dieci anni dei paesi del Sud Europa e il Bund tedesco potrebbe originare a fine 2014 rendimenti total return (cedola più guadagno in conto capitale) di circa il 6% per le emissioni decennali di Italia e Spagna e perfino superiori all’8% nel caso del Portogallo, mentre fra i paesi core, centrali, della zona euro le occasioni più convenienti convogliano sui titoli emessi da Austria e Olanda.

E’ partita la grande rotazione verso i Titoli di Stato

E sottolinea: “Questi guadagni potrebbero risultare ridimensionati, anche notevolmente, se si realizzerà la nostra ipotesi di un aumento del rendimento del Bund decennale tedesco, oggi di poco superiore all’1,6%, fino a una soglia del 2,25%. Perché una risalita del titolo tedesco implica un movimento verso l’alto anche degli altri decennali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>