Fondi di investimento americani vincono in Italia

di Gianni Puglisi 1

Da un'indagine condotta da CorrierEconomia, che ha esaminato le performance a tre anni di numerosi fondi comuni e sicav estere autorizzate..

Da un’indagine condotta da CorrierEconomia, che ha esaminato le performance a tre anni di numerosi fondi comuni e sicav estere autorizzate in Italia, gli Stati Uniti sono risultati essere i campioni incontrastati, seguiti nell’ordine da Svizzera, Italia, Francia, Regno Unito, Olanda, Germania, Svezia, Austria e Giappone.

Gli Stati Uniti, in particolare, hanno ben 18 case di investimento che operano in Italia, l’Italia 39, la Svizzera 15, il Regno Unito 13, la Francia 8, la Germania 6, l’Olanda 2, mentre il Giappone, l’Austria e la Svezia soltanto uno. Gli Stati Uniti, tuttavia, non vincono solo per numero di case di investimento attive in Italia ma anche per qualità di fondi.


Gli esperti di CorrierEconomia, infatti, hanno realizzato una vera e propria classifica basata su una sorta di gironi, proprio come accade per i Mondiali di Calcio, assegnando a ciascun fondo dei punti sulla base del piazzamento nella classifica per categorie. Gli Stati Uniti, dunque, sono risultati in testa con ben 977 punti, grazie ai risultati ottenuti dalle varie case di gestione, in testa Fidelity con 254 punti, seguita da BlackRock con 157 punti, Franklin Templeton con 152 punti, Jp Morgan con 70 punti e Morgan Stanley con 61 punti. A seguire, dunque, la Svizzera con 874 punti, con in cima Ubs (232 punti) e Credit Suisse (184 punti).

L’italia, dunque, pur giocando in casa deve accontantarsi del terzo posto, con 708 punti, realizzati soprattutto grazie all’apporto di Eurizon Capital (163 punti), Pioneer (64 punti), Aletti Gestielle (33 punti), Prima (31 punti), Anima (31 punti), Generali Investment sicav (30 punti) e Ubi Pramerica (29 punti).

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>