Reddito fisso, come investire con i tassi bassi

di Carlo Valuta Commenta

In un economia dove i tassi di interesse sono molto bassi  o vicini allo zero investire nel reddito fisso costituisce un interessante analisi.

Secondo  il commento di mercato di James Waters, Gestore di portafoglio clienti Reddito fisso presso Threadneedle ”  Vi sono indicazioni che l’economia mondiale inizia finalmente a riguadagnare parte del proprio vigore, dopo aver trascorso un lungo periodo in terapia intensiva a seguito della crisi finanziaria globale del 2008. Si ravvisano i primi segnali di una ripresa nel Regno Unito, in Europa e in Giappone, mentre gli Stati Uniti beneficiano di una rinascita economica alimentata dall’energia da scisti. Tuttavia, chi prevede un ritorno ai tassi di crescita registrati prima del 2008 potrebbe restare deluso.

Previsioni sul andamento dei mercati nel 2014

Se nel mondo sviluppato l’attività economica sta forse riacquistando slancio, nelle economie emergenti registra invece un rallentamento. Un ingente onere debitorio, la persistente austerità nell’eurozona e la riduzione dell’indebitamento bancario continueranno inoltre a gravare sulle economie sviluppate per molti anni.

La recente decisione della Federal Reserve di proseguire nel programma di quantitative easing, nonostante tutte le discussioni su una sua graduale riduzione, evidenzia gli ostacoli che ancora si frappongono alla ripresa dell’economia globale. Di conseguenza, i rendimenti dei titoli di Stato e i tassi sui depositi resteranno verosimilmente contenuti nel prossimo futuro. Ciò crea un contesto che continuerà a sostenere l’attrattiva dei dividendi azionari per gli investitori che ricercano livelli di reddito appetibili.

I Titoli di Stato è un investimento a rischio zero?

A livello globale, le azioni ad alto dividendo presentano valutazioni persistentemente interessanti, con un PE inferiore a quello del mercato nel suo complesso. Ma gli investitori dovrebbero essere selettivi, perché alcuni titoli difensivi ad alto rendimento evidenziano valutazioni onerose, e le società che offrono rendimenti elevati, ma una crescita moderata o nulla, sarebbero penalizzate da un aumento dei tassi d’interesse.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>