Settore Farmaceutico, tre titoli da tenere d’occhio

di Carlo Valuta Commenta

L'analisi di Morgan Stanley: ecco perché puntare su questo comparto sempre più attraente.

Quando si parla del farmaceutico, si parla di un comparto con caratteristiche molto particolari. Appare attraente durante le fasi di instabilità dei mercati finanziari ed è tipicamente ‘difensivo’.

Ci sono alcuni titoli che, stando agli analisti di Morgan Stanley, meritano un giudizio positivo (overweight) grazie ai margini di rialzo dei prezzi. Sono tre in particolare:

Novo Nordisk

Con un multiplo di 24,2 sugli utili (eps) attesi nel 2016, la big pharma danese tratta con un premio del 33% rispetto ai competitor europei, inferiore tuttavia alla media storica (50%). Al titolo è stato assegnato un prezzo obiettivo di 435 corone (+17%) perché le recenti revisioni al rialzo dell’eps (utile per azione) nel 2015-2018 non sono ancora del tutto scontate nella quotazione attuale. Il dividend yield è 1,3% nell’esercizio 2015 e 1,7% nel prossimo. Il total return (peformance+rendimento della cedola) negli ultimi 12 mesi è stato del 48,7%.

Shire

La crescita programmata a doppia cifra nel lungo termine e l’alta reputazione del management porteranno, secondo gli analisti, a una variazione positiva delle stime di consensus sulla società, con un conseguente impatto sulla quotazione. Il p/e 2016 di 18 è basso considerando di profilo di espansione superiore alla media (+15% eps annuo nel 2015-18). Il titolo, che capitalizza 31 miliardi di sterline, merita un target price di 6.000 pence (+15%). Trascurabile il rendimento della cedola. Negli ultimi 12 mesi ha reso il 15,5%.

Actelion

Il titolo tratta con un premio del 22% sul p/e del settore, vicino alla media a cinque anni, ma ha un ritmo di crescita decisamente superiore. I ricavi e l’eps (utile per azione) sono infatti previsti in aumento nel 2015-20 al tasso dell’8 e 16% contro incrementi medi rispettivamente del 4 e 9%. Anche il migliorato profilo di rischio supporta il re-rating verso i massimi storici. Il prezzo obiettivo di 147 franchi svizzeri è del 7% superiore alle quotazioni attuali. Il p/e scende da 25,6 nel 2015 a 24,3 nel 2016, mentre il dividend yield è intorno all’1%. Il ritorno totale a 12 mesi è stato del 24%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>