Gli Usa crescono, l’europa un pò meno

di Redazione Commenta

Stanno finendo in queste settimane le conseguenze negative che si erano abbattute sugli Stati Uniti e che ne avevano rallentato, in modo significativo..

Stanno finendo in queste settimane le conseguenze negative che si erano abbattute sugli Stati Uniti e che ne avevano rallentato, in modo significativo, l’espansione economica ed industriale.

I prezzi degli immobili scendono meno velocemente e le vendite si stabilizzano. Per quanto riguarda l’Europa, invece, i risultati positivi tarderanno ad arrivare, soprattutto in Spagna, Irlanda, Regno Unito e Olanda. Per questo motivo l’Europa tarderà a crescere.

Per quanto riguarda le materie prime, invece, il livello dei prezzi resta alto, e ci vorranno almeno alcuni trimestri affinchè i nuovi prezzi siano correttamente assorbiti dall’economia e dalla finanza.




La situazione non è ancora fuori dalla crisi, ma oggi fa meno paura rispetto a qualche tempo fa. Gli Stati Uniti stano rispondendo più positivamente a questa crisi, mentre la zona euro, che si aspettava una crescita maggiore, è costretta ad inseguire gli Stati Uniti, che restano la principale potenza economica mondiale.

A livello di inflazione, il calo del prezzo del petrolio durante il mese di agosto, ha fatto rallentare l’inflazione.

Dal lato delle valute, il dollaro è ancora in fase di crescita, e non casualmente.

A livello mondiale, i segni della ripresa ci sono tutti, anche se saranno dei tempi lunghi e alquanto difficili.

Gijino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>