Banche italiane non danno mutui a nessuno

di Redazione Commenta

Al riguardo il Presidente della Federconsumatori, Rosario Trefiletti, denuncia come gli spread bancari applicati sui mutui siano alti, troppo alti e comunque ben oltre la media europea.

In Italia le banche attualmente non danno mutui a nessuno o quasi. A metterlo in evidenza è stata la Federconsumatori nel commentare un’indagine dell’AdnKronos da cui è emerso come su dieci istruttorie di mutuo solo tre passino l’esame da parte dell’istituto di credito senza intoppi. E così secondo l’Associazione le banche italiane non danno mutui o quando li danno i tassi applicati sono a dir poco alti. Stesso trend si registra anche per i prestiti e per i fidi.

Al riguardo il Presidente della Federconsumatori, Rosario Trefiletti, denuncia come gli spread bancari applicati sui mutui siano alti, troppo alti e comunque ben oltre la media europea. Con la conseguenza che i risultati dell’indagine dell’AdnKronos altro non fanno che confermare le tante segnalazioni acquisite dell’Associazione dei consumatori in merito a cittadini che si sono vista respinta dalla banca l’istruttoria riguardante il mutuo.



MUTUI PIU’ ECONOMICI 2011

Le difficoltà di accesso al credito non vengono comunque rilevate solo dalle famiglie e, in generale, da parte della clientela privata, ma anche da parte delle imprese che spesso vanno in asfissia finanziaria o non possono pianificare quegli investimenti chiave per l’innovazione e la competitività al fine di competere in uno scenario globale sempre più sfidante.

TASSI MUTUO IN CADUTA LIBERA

E la situazione per le imprese si fa sempre più difficile quando non riescono ad ottenere credito bancario a fronte dei tanti crediti scaduti e non ancora riscossi a causa dei ritardi di pagamento che con la crisi si sono dilatati a dismisura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>