Differenza tra fido e prestito, quale conviene di più

di Redazione Commenta

In momenti di difficoltà le famiglie sono solite rivolgersi alle banche per chiedere fidi o prestiti. Ma quali sono le principali differenze e, soprattutto..

In momenti di difficoltà le famiglie sono solite rivolgersi alle banche per chiedere fidi o prestiti. Ma quali sono le principali differenze e, soprattutto, quale dei due strumenti è più conveniente?

Il fido si distingue dal prestito in quanto in questo caso l’entità della somma di denaro messa a disposizione dalla banca è decisa dallo stesso istituto erogante, che considera la richiesta del cliente solo in maniera orientativa, inoltre in questo caso il cliente può utilizzare solo una parte del fido concesso, di conseguenza gli interessi verranno calcolati solo sulla parte effettivamente utilizzata.


Tra i due strumenti il più conveniente è il prestito, in quanto in questo caso i tassi di interesse sono generalmente più bassi. In media, infatti, il tasso di interesse applicato ai fidi di conto corrente supera di poco il 15% mentre quello applicato ai prestiti è del 13%.

Secondo una recente indagine dell’Università Bocconi, invece, la situazione si capovolge nel caso della banche online, dove i fidi risultano più convenienti rispetto ai prestiti. In questi casi, infatti, il tasso di interesse medio applicato ad un fido si aggira intorno al 7% mentre il tasso di interesse applicato ai prestiti si aggira intorno al 9%.

Quello che in ogni caso bisogna assolutamente evitare è richiedere un fido e sconfinare nell’importo concesso, in quanto in questo caso per il cliente si profilano pagamenti eccessivamente elevati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>