Google potrebbe lasciare la Cina

di Francesco Di Cataldo 5

GMail ha subito un attacco hacker da parte del governo cinese..

Google ha annunciato che il sistema GMail in grado di offrire il servizio email gratuito a tutti i cittadini ha subito un attacco hacker da parte del governo cinese che voleva introdursi nel sistema per effettuare i controlli.

Il governo cinese è sul piede di guerra e molto probabilmente sperava che Google evitasse di fare l’annuncio al mondo intero. Google in China detiene il 30% delle ricerche su internet e anche se non possiede una quotazione da leader nel mercato asiatico questo equivale ad un valore enorme.



In Cina il sistema di ricerche su internet più usato è Baidu che controlla poco più del 60% delle ricerche e la società risulta essere molto vicina al sistema governativo cinese. In passato anche Facebook e Twitter hanno avuto problemi col governo cinese e sono stati costretti a rimanere offline per un periodo non inferiore a 9 mesi.

Il rischio è che se Google continuerà a promuovere il progetto senza filtri è possibile che la società americana esca dal mercato più ricco dell’Asia.

In Cina Google offre lavoro a ben 700 persone. Il processo di rimozione dei paletti di censura è già attivato in Cina, ma non si può pretendere che avvenga da un giorno all’altro, spiega Zhong.

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>