Morgan Stanley rimborserà chi ha pagato le azioni Facebook oltre 43 dollari

di Alessandro Bombardieri Commenta

Morgan Stanley è pronta ai rimborsi per l'Ipo del social network.

Morgan Stanley, la principale banca che ha curato l’Ipo di Facebook, nel corso di una conference call con i broker si è detta pronta a rimborsare chi ha pagato più di 43 dollari per azione.

Morgan Stanley ha affermato che regolerà i prezzi degli scambi del primo giorno di quotazione di Facebook al Nasdaq, per far sì che nessuno paghi più di 43 dollari per azione.


Stando a quanto riferito da alcune indiscrezioni riportate da giornali americani, Morgan Stanley avrebbe spiegato ai broker che gli ordini di vendita sulle azioni a un minimo di 43 dollari dopo l’Ipo non saranno realizzati, dati i bassi volumi in quella fascia di prezzo il giorno del debutto in Borsa.

Venerdì 18 maggio scorso, il giorno dello sbarco di FB a Wall Street, si sono registrati problemi tecnici sugli ordini di acquisto, vendita o cancellazione in questo modo alcuni ordini possono essere stati realizzati in maniera errata andando ad influenzare l’andamento della collocazione.

FACEBOOK DEBUTTA IN BORSA

Sembra intanto confermato che le perdite dei quattro maggiori trader (Knight Capital, Citadel Secrities, Ubs e Automated Trading Desk di Citi) superano i 100 milioni di dollari, come riferito da uno degli executive senior di una delle società. Knight e Citadel chiedono risarcimenti per 30-35 milioni di dollari.

Nel frattempo al Nasdaq il titolo FB ha chiuso la seduta del venerdì in calo del 3,39% a quota 31,91 dollari per azione, ben lontano dai 38 dollari dell’Ipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>