Piano Industriale IGD SIIQ 2012-2015

di Redazione Commenta

Inoltre, tra gli altri obiettivi, a fine Piano IGD punta a raggiungere un Ebitda margin superiore al 71% a fronte di una riduzione della leva finanziaria.

Investire dal 2012 al 2015 200 milioni di euro, di cui 80 milioni di euro circa per sviluppare la pipeline, ed i restanti 120 milioni di euro per gli investimenti e per gli ampliamenti. E’ questo uno degli obiettivi della società quotata in Borsa a Piazza Affari IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A., in accordo con il Piano Industriale 2012-2015 che è stato esaminato ed approvato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione.

Inoltre, tra gli altri obiettivi, alla fine del nuovo Piano Industriale IGD punta a raggiungere un Ebitda margin superiore al 71% a fronte di una riduzione della leva finanziaria. Il tutto focalizzando l’attività sulla sostenibilità dei ricavi, del valore degli asset detenuti, e sul costo del capitale.



INVESTIRE PUNTANDO AI DIVIDENDI, OCCHIO AI RISCHI

In accordo con un comunicato ufficiale emesso dalla società, il Piano Industriale 2012-2015 tiene conto anche di quelli che sono sia i mutamenti profondi dello scenario macroeconomico in generale, sia l’impatto derivante ad esempio dall’introduzione della tassa sulla proprietà immobiliare, l’IMU.

INVESTIRE IN AZIONI

L’Amministratore Delegato di IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A., Claudio Albertini, ha sottolineato come il piano industriale sia equilibrato, e come si miri ad accrescere ulteriormente quella che è la qualità del portafoglio a fronte dell’obiettivo di mantenere, così come fatto negli anni scorsi, una redditività che risulti essere attraente per gli azionisti della società. Ricordiamo che, in base ai driver di crescita sopra indicati, il nuovo Piano Industriale 2012-2015 di IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A. rappresenta un’evoluzione del precedente, il Piano Industriale a valere dall’anno 2009 all’anno 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>