Prestiti obbligazionari A2A approvati dal Consiglio di Gestione

di Redazione Commenta

L’emissione di titoli obbligazionari fino ad 1 miliardo di euro rientra nell’ambito del programma EMTN, per complessivi 2 miliardi di euro, che è stato approvato lo scorso 19 settembre del 2012.

Titoli obbligazionari che, per un controvalore fino ad 1 miliardo di euro, contribuiranno ad allungare la vita media del debito di A2A S.p.A.. Ad approvare l’emissione è stato il Consiglio di Gestione della società quotata in Borsa a Piazza Affari che in data odierna, giovedì 15 novembre del 2012, si è riunito sotto la presidenza dell’avvocato Graziano Tarantini.

In accordo con un comunicato ufficiale emesso oggi da A2A S.p.A., l’emissione di titoli obbligazionari fino ad 1 miliardo di euro rientra nell’ambito del programma EMTN, per complessivi 2 miliardi di euro, che è stato approvato lo scorso 19 settembre del 2012.



AZIONI SU CUI INVESTIRE IN CASO DI RECESSIONE

Riservata agli investitori istituzionali, l’emissione una volta collocata sarà quotata presso la Borsa del Lussemburgo. A Renato Ravanelli, il Direttore Generale, ed a Graziano Tarantini, il Presidente di A2A S.p.A., il Consiglio di Gestione della società ha dato mandato per dare attuazione alla delibera e per fissare i dettagli e le condizioni del prestito obbligazionario anche in ragione delle condizioni di mercato.

TITOLI AZIONARI CONSIGLIATI DA EXANE BNP PARIBAS

Per quel che riguarda l’andamento del business ricordiamo che A2A S.p.A. ha archiviato i primi nove mesi del 2012 con un fatturato in crescita del 14% a 4,9 miliardi di euro a fronte di un Ebitda in aumento anno su anno del 20% a 776 milioni di euro, ed un utile netto balzato del 48% a 169 milioni di euro. Bene anche il dato sul cash flow netto generato che, dal mese di gennaio al mese di settembre del 2012, è stato di 524 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>