Prezzo petrolio oltre 100 dollari dopo intervento banche centrali

di Alessandro Bombardieri Commenta

Prezzi sui massimi da due settimane...

Una delle conseguenze dell’intervento coordinato delle banche centrali per sostenere il sistema finanziario mondiale è stato l’aumento del prezzo del petrolio, infatti i prezzi dei futures sul greggio hanno toccato i massimi da due settimane.

In particolare Federal Reserve, Bank of Canada, Bank of England, Banca del Giappone, Bce e Banca Centrale Elvetica hanno trovato un accordo per diminuire di 50 punti base il costo attuale in dollari della liquidità overnight.


Come riportato dal Wall Street Journal questo avrebbe portato ad un ribasso del dollaro, di conseguenza gli speculatori hanno iniziato a comprare il greggio denominato in dollari usando valute straniere, proprio in un periodo in cui il prezzo sta salendo, per le preoccupazioni legate all’Iran ed alla sua politica nucleare. In aggiunta a questo la Cina, che è il secondo consumatore al mondo di petrolio, ha deciso di allentare le proprie politiche monetarie.

PREZZO PETROLIO

Al NYMEX il greggio dolce per gennaio è aumentato dell’1,7% a quota 101,46 dollari al barile, dopo aver toccato anche quota 101,75. Il greggio Brent dell’ICE di gennaio è arrivato a 111,58 dollari al barile.

Tom Bentz, dirigente delle attività di prime brokerage di BNP Paribas, ha dichiarato che l’iniziativa delle banche centrali ha portato ad un’impennata del mercato. I prezzi hanno subito aumenti anche perchè negli Usa i posti di lavoro nel settore privato hanno toccato quota 206mila, mentre le previsioni erano di massimo 130mila. Negli States le giacenze di greggio dovrebbero essere calate a 500mila barili durante la settimana del 18 novembre. Le scorte di benzina dovrebbero invece essere aumentate a 1,3 milioni di barili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>