La quotazione di Poste Italiane a Piazza Affari sarà del 30-40% della società

di Carlo Valuta Commenta

A fare i conti ci ha pensato il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando nella sua audizione in Parlamento. Dalla quotazione del 30-40% delle Poste, il Tesoro si aspetta di ottenere 4 miliardi di euro per una valorizzazione totale della società di 10 miliardi. L’operazione dovrebbe servire a diminuire il debito italiano, ma parlare di “riduzione” di fronte a una ccifra di 2.100 miliardi di esposizione può sembrare furi posto. La vendita delle quote porterà per sempre fuori dallo Stato gran parte del capitale della società e dei dividendi che il gruppo incasserà nei prossimi anni.

Gli investitori aspettano l’ingresso a Piazza Affari di Poste italiane

Ci si chiede il motivo per cui farlo dal momento che i benefici finanziari sono nulli. Lo stesso Morando ha parlato di una operazione a costo zero: il Tesoro perderà 120 milioni di dividendi, ma allo stesso tempo pagherà 120 milioni in meno di interessi. Il vero motivo della quotazione in Borsa non è chiaro. A spiegarlo  potrebbe essere il nuovo amministratore delegato, Francesco Caio, nominato ufficialmente ad dal suo board, il cui primo compito sarà quello  di convincere i risparmiatori ad acquistare il titolo. La società di fatto, è stata per anni un posteggio di assunzioni per la politica e la sua gestione ne ha subìto i risultati. Una sua ottimizzazione ha significato, ma mettere sul mercato una società che ha tra i suoi fondamentali obiettivi quello di assicurare un servizio universale è sempre rischioso. Succede sempre più spesso infatti che “in nome del mercato” si cerchi di difendere ogni taglio probabile di costi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>