Rating Cattolica Assicurazioni confermato da Standard & Poor’s

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Il Gruppo Cattolica Assicurazioni è riuscito lo scorso anno ad ottenere nel ramo danni una performance superiore a quella della media di mercato.

Il Gruppo Cattolica Assicurazioni, quotato in Borsa a Piazza Affari, sarà in grado di migliorare la propria redditività nel settore delle polizze vita e, contestualmente, sarà in grado di mantenere sul settore delle assicurazioni danni una performance forte.

E’ sulla base di queste previsioni che l’Agenzia Standard & Poor’s, nel confermare il rating del Gruppo Cattolica Assicurazioni, ha anche mantenuto “stabile” l’outlook. In particolare, lasciando invariato il rating ad “A-“, l’Agenzia di rating Standard & Poor’s, citando anche le capacità del management, ha messo in risalto come il Gruppo Cattolica Assicurazioni sia riuscito lo scorso anno ad ottenere nel ramo danni una performance superiore a quella della media di mercato, così come i dati da gennaio a giugno del 2011, quelli del primo semestre quindi, confermano tale tendenza.



FITCH CONFERMA OUTLOOK STABILE SUL SETTORE ASSICURATIVO

In sostanza per Standard & Poor’s sui dati di bilancio del Gruppo Cattolica Assicurazioni si registrano effetti positivi legati alle azioni che il management della società ha messo in atto a partire dal 2007 nonostante le condizioni del mercato assicurativo auto italiano che sono tutt’altro che facili.

ASSICURAZIONI ITALIANE BUONA RISPOSTA ALLA CRISI

E riguardo ai livelli di adeguatezza del capitale del Gruppo Cattolica Assicurazioni, l’Agenzia di rating Standard & Poor’s stima che la società non conseguirà perdite significative legate alla propria esposizione sui titoli di Stato italiani in quanto per la maggior parte questi vengono detenuti fino a scadenza in portafoglio; mentre la diversificazione tra il comparto vita e quello danni viene ritenuta dall’Agenzia come equilibrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>