Novità 2012 conto deposito Rendimax

di Redazione Commenta

Banca Ifis risponde alle numerose richieste di chiarimento da parte dei risparmiatori dopo l’entrata in vigore della Manovra Monti.

Dall’1 gennaio scorso anche sul conto deposito di Banca Ifis, Rendimax, la tassazione sugli interessi è diventata più vantaggiosa in quanto è scesa dal 27% al 20%; inoltre ad oggi i bolli, salvo eventuali nuove disposizioni di Legge, continueranno ad essere a carico di Banca Ifis.

A farlo presente con una nota martedì scorso è stata proprio la società quotata in Borsa a Piazza Affari in risposta alle numerose richieste di chiarimento da parte dei risparmiatori dopo l’entrata in vigore della Manovra Monti.



CONTI DEPOSITO REMUNERATI PIU’ VANTAGGIOSI

Rendimax continua quindi a rimanere un prodotto a liquidità remunerata, libera o vincolata, senza l’applicazione di alcun tipo di spesa. Anzi, oltre ai rendimenti sulle giacenze libere da qualche tempo Banca Ifis, attraverso la raccolta delle esigenze e dei bisogni di risparmio dei clienti, ha lanciato “Rendimax Like”, un prodotto nato dai social network.

PRO E CONTRO DELLA LIQUIDITA’

Nel dettaglio, Rendimax Like è un innovativo prodotto di remunerazione della liquidità avente le caratteristiche di un deposito libero a chiamata. In pratica quando al risparmiatore serve il denaro, sarà possibile prenotare la somma che serve e questa poi sarà accreditata come giacenza libera su Rendimax trascorsi 33 giorni di calendario; ed il tutto fermo restando che le somme, anche nel corso dei 33 giorni prima della disponibilità fondi, continueranno a rendere al tasso di Rendimax Like vigente nel dato periodo. Oltre che per i privati, ricordiamo infine che Rendimax è un prodotto che possono sottoscrivere anche le aziende titolari di partita Iva ed i curatori fallimentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>