Prezzo Oro, previsioni trend 2014

di Carlo Valuta Commenta

Il metallo giallo nell’anno appena concluso ha avuto un ribasso molto accentuato, che lo ha portato a perdere circa il 30% del suo valore registrato all’inizio del 2013.

Il trend al momento attuale, continua a rimanere ribassista, secondo Matteo Paganini e Davide Marone, di DaliyFX, e si trova  nella situazione di essere percepito come il bene rifugio per eccellenza in ogni fiammata di avversione al rischio da un lato, e di asset finanziario puro e di natura speculativa da contrapporsi al dollaro americano dall’altro. Francamente il primo aspetto è progressivamente venuto meno nell’anno appena terminato, mentre era più che ricorrente nel 2012 dominato da precise correlazioni dettate da dinamiche risk on/off. Il crollo del prezzo ne è stata dimostrazione lampante laddove pure i focolai di panico si sono accesi più volte.

 

>Prezzo oro, previsioni per dicembre

In questo senso la possibile stabilità del dollaro in primo luogo, e il suo possibile rafforzamento in  secondo, possono favorire l’ulteriore pressione al ribasso del metallo giallo il quale potrebbe risentire altresì di un aumento (auspicato) dei tassi di interesse reali supponendo tassi nominali fermi e inflazione in aumento. Pur fregiandoci di un certo pessimismo in materia di ripresa economica, va detto che l’unione di elementi quali i dati positivi negli Stati Uniti, il tapering e una discreta normalizzazione del ciclo economico, si inseriscono perfettamente in un quadro in cui l’oro potrebbe continuare a deprezzarsi laddove invece va ad aumentare il proprio valore nelle fasi acute di crisi economica.

Da controaltare si pone invece la forte domanda fisica al calo dei prezzi e le massicce importazioni da parte delle grandi banche centrali asiatiche ne sono una testimonianza; inoltre la produzione di metallo giallo è in calo, anche per via dei costi che in taluni casi sembrano superare il prezzo di piazzamento sui mercati e l’offerta è sempre minore per il riciclo del metallo. Tutto ciò potrà limitare i ribassi della quotazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>