Fitch taglia rating Unicredit e Intesa Sanpaolo a BBB+

di Redazione Commenta

I due più grandi istituti di credito italiani, ovvero Intesa Sanpaolo e Unicredit, vengono giudicati da Fitch con il rating BBB+ (in precedenza era per entrambi A-) con outlook negativo

L’agenzia di rating Fitch continua a rivedere le sue valutazioni sull’affidabilità creditizia del sistema-Italia. Dopo aver tagliato il giudizio sul rating sovrano della Repubblica Italiana a BBB+ da A-, Fitch ha tagliato il giudizio sul merito di credito di molti enti locali. Ora tocca anche alle banche. I due più grandi istituti di credito italiani, ovvero Intesa Sanpaolo e Unicredit, vengono giudicati con il rating BBB+ (in precedenza era per entrambi A-) con outlook negativo per i prossimi trimestri. Confermato, invece, il rating di breve termine a F2.

Ieri in borsa il titolo Unicredit ha perso il 3,61% a 3,79 euro, recuperando le perdite del mattino sul finale di seduta. I prezzi erano scesi fino a 3,586 euro, sui livelli più bassi dal 19 dicembre scorso. Il titolo Intesa Sanpaolo, invece, ha chiuso a 1,2 euro con una perdita del 2,52%. Il titolo è sceso fino a 1,167 euro, sui livelli più bassi da agosto 2012.

Fitch ha poi bocciato Agos Ducato e Bnl (gruppo Bnp Paribas): il rating di lungo termine è sceso ad A- da A con outlook negativo, mentre il rating di breve termine viene fissato a F1. Nessun downgrade, invece, per Banca Monte dei Paschi di Siena e Banco Popolare, che ieri ha subito diverse bocciature da parte di broker italiani ed esteri dopo i conti 2012 e l’outlook 2013.

Il rating dei due istituti di credito resta BBB, ma l’outlook scende a “negativo” da “stabile”. Iventa negativo anche l’outlook di Banca Antonveneta e di Banca Italease, mentre è stato confermato il rating BBB+ per Ubi Banca e Iccrea. I downgrade su rating e outlook di queste banche italiane sono una conseguenza del recente declassamento di Fitch sull’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>