Nuova giornata negativa per Unicredit

di Redazione 1

Dopo aver registrato, negli ultimi due giorni, una perdita di oltre 20 punti percentuali, scendendo al prezzo di 2,55 euro ad azione..

Dopo aver registrato, negli ultimi due giorni, una perdita di oltre 20 punti percentuali, scendendo al prezzo di 2,55 euro ad azione, Unicredit informa i mercati che “il 23 settembre scorso il consiglio di amministrazione ha approvato un progetto per conferire una parte del proprio portafoglio immobiliare in un fondo chiuso immobiliare.

È previsto che tale transazione, che dovrebbe completarsi entro il 2008, generi più di 15 punti base (0,15%) di core tier 1″.

L’obiettivo di questa azione, spiega Alessandro Profumo, presidente di Unicredit, è quello di rientrare nei parametri previsti da Basilea 2 entro la fine del 2008.

Sempre Alessandro Profumo ha però affermato che gli obiettivi che erano stati posti all’inizio dell’anno non sono più raggiungibili, a causa della grave ed imprevista crisi dei mercati.

Anche l’obiettivo di creare una partnership con una banca finanziaria internazionale, per il momento, non è più valido. Nonostante la caduta del titolo in borsa, le basi della banca restano più che solide e resta anche liquidità per tutto il 2008.


Le cause scatenanti di questa situazione possono essere ricercate nella strategia di internazionalizzazione posta in essere, che ha esposto questa banca più che le altre, alla crisi internazionale. Addirittura c’è chi specula sulle possibili dimissioni di Alessandro Profumo. Intanto si registra un nuovo trimestrale Unicredit non troppo speranzoso.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>