Bilancio Enel 2011 con dividendo a 0,26 euro

di Redazione Commenta

I numeri di Enel del 2011.

Enel ha chiuso il 2011 con ricavi a quota 79,5 miliardi di euro, in crescita dell’8,4% rispetto ai 73,4 miliardi del 2010. Il margine operativo lordo ha fatto segnare un incremento dell’1,4% passando da 17,48 miliardi a oltre 17,7 miliardi di euro.

L’utile netto del gruppo è invece sceso del 5,5% passando dai 4,39 miliardi di euro del 2010 a 4,15 miliardi, soprattutto per il maggiore carico fiscale derivato dalla modifica della Robin Hood Tax. L’utile per azione è risultato pari a 0,44 euro.


L’indebitamento alla fine del 2011 era di 44,63 miliardi di euro, dai 44,9 miliardi dell’inizio dell’anno. Gli investimenti di Enel nel 2011 sono stati di quasi 7,5 miliardi di euro.

OBBLIGAZIONI ENEL

È stata proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,26 euro per azione, valore a cui va tolto l’acconto di 0,1 euro assegnato nel mese di novembre. Quindi gli 0,16 euro per azione verranno staccati il 18 giugno prossimo con pagamento fissato per tre giorni dopo. Il monte dividendi totale è di 2,45 miliardi di euro, nell’esercizio precedente il dividendo era stato di 0,28 euro per azione.

Secondo le previsioni dei vertici di Enel, nel 2012 il margine operativo lordo dovrebbe arrivare a 16,5 miliardi di euro, a 17 miliardi nel 2014 ed a 19 nel 2016. L’utile netto ordinario nel 2012 dovrebbe calare a 3,4 miliardi di euro, salire a 3,8 nel 2014 ed arrivare a 5 miliardi nel 2016. L’indebitamento finanziario netto è visto in calo a 43 miliardi di euro nel 2012, il debito dovrebbe scendere a 39 miliardi nel 2014 ed a 30 miliardi nel 2016.

A partire dal 2012 Enel distribuirà agli azionisti almeno il 40% dell’utile netto ordinario del gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>