Trimestrale Wal-Mart aprile giugno 2010

di Redazione 1

Wal-Mart ha chiuso il Q2 2010 con ricavi in aumento del 2,8% a quota 103,7 miliardi di dollari.

La Wal-Mart, una delle più grandi aziende al mondo e degli Stati Uniti, una delle società che aveva beneficiato della ripresa, ha presentato i conti relativi al secondo trimestre del 2010, conclusosi il 31 luglio scorso.

La multinazionale statunitense, proprietaria dell’omonima catena di negozi al dettaglio Wal-mart, ha chiuso il Q2 2010 con ricavi in aumento del 2,8% a quota 103,7 miliardi di dollari, e con un utile netto in aumento del 3,6% a quota 3,59 miliardi di dollari, vale a dire 97 centesimi di dollaro per azione di utile.

I risultati sono più o meno in linea con le previsioni degli esperti, che avevano stimato ricavi in media di 105,3 miliardi di dollari ed un utile per azione di 96 centesimi per azione.

Wal-Mart nel secondo trimestre dell’anno ha beneficiato soprattutto del taglio dei costi, addirittura più di quanto previsto in precedenza. Tuttavia il consumo negli Stati Uniti è ancora una volta diminuito, frenando di fatto l’aumento dei ricavi per il gruppo.

Nel periodo aprile – luglio, le vendite nei centri aperti da almeno un anno sono scese in Usa dell’1,8%, comunque il gruppo ha alzato le stime per l’intero esercizio 2010, passando da 3,90 – 4,00 dollari per azione a 3,95 – 4,05 dollari.

Wal-Mart avverte però che la ripresa molto lenta dalla crisi economica mondiale avrà ancora un forte impatto negativo sui consumi e sulle spese dei consumatori.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>