Volkswagen anticipa obiettivi e sorpasso Toyota

di Stefania Russo 2

A pochi giorni dalla pubblicazione del bilancio Volkswagen gennaio settembre 2010 sono arrivati i primi commenti da parte del presidente Martin Winterkorn..

A pochi giorni dalla pubblicazione del bilancio Volkswagen gennaio settembre 2010 sono arrivati i primi commenti da parte del presidente Martin Winterkorn che ha sottolineato come i conti relativi ai primi nove mesi dell’anno abbiano confermato il buon andamento dell’attività e soprattutto il buon posizionamento della casa automobilistica in relazione all’obiettivo da raggiungere entro il 2018, tanto di aver deciso di anticiparlo.

Il responsabile delle vendite, Christian Kingler, nel corso di un’intervista rilasciata ad Automotive News ha infatti fatto sapere che la casa automobilistica ha deciso di anticipare al 2015 l’obiettivo del raggiungimento dei 10 milioni di veicoli l’anno.


A rendere ottimista il produttore tedesco è stato il forte incremento della domanda proveniente soprattutto dai paesi emergenti e che secondo il management porterà Volkswagen a chiudere il 2010 con 7 milioni di veicoli venduti e ad anticipare di tre anni il sorpasso su Toyota.

Oltre che dall’aumento delle vendite l’accellerazione sugli obiettivi è ricondotta anche al lancio di nuovi modelli, alle sinergie con Suzuki e ai nuovi stabilimenti, quello di Chattanooga, nel Tennessee, e quello di Guanajuato, in Messico. Una crescita, dunque, basata soprattutto sugli investimenti, quindi non è un caso che, secondo quanto affermato dall’agenzia di rating Moody’s, il debito contratto sia pari a 46,2 miliardi di dollari, in altre parole il maggiore tra quelli dei costruttori europei.

Al momento alla Borsa di Francoforte il titolo Volkswagen registra un incremento dello 0,97% a 92,25 euro.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>