Edison ed Enel al centro dell’attenzione

di Redazione Commenta

I soci di Delmi hanno dato mandato a Mediobanca e Bain Cuneo per studiare i modi migliori al fine di valorizzare la loro partecipazione in Edison...

Non inizia molto bene la settimana di borsa, nonostante la buona prima seduta sulle piazze asiatiche, dove l’indice Nikkei di Tokio ha guadagnato lo 0.41%, infatti a Piazza Affari il Ftse Mib lascia sul campo l’1.65% a quota 19.029 punti.

In giornata sono attesi i dati che usciranno dalla riunione della Fed e che riguardano l’andamento dell’economia americana, intanto a Milano perde quota Enel (-1,12% a 3,53 euro) dopo che è scaduto il termine ultimo per aderire all’aumento di capitale, che secondo le prime indiscrezioni avrebbe fatto registrare numeri da record. Enel rilascerà i dati ufficiali solamente in settimana comunque.

Sono molti oggi i titoli delle utility che staccano il dividendo, oltre ad Enel, infatti ci sono A2A che guadagna l’1,33% a quota 1,29 euro, Iride -0,97% a 1,23 euro, Tenaris +0,88% a 9,73 euro, Terna +1,15% a 2,41 euro.

L’Ad di Enia, Andrea Viero, ha affermato che i soci di Delmi hanno dato mandato a Mediobanca e Bain Cuneo per studiare i modi migliori al fine di valorizzare la loro partecipazione in Edison, che è un titolo da tenere d’occhio nella giornata odierna, in questo momento perde l’1,27 % a 1 euro.

Dopo che il Ministro del Tesoro, Giulio Tremonti, ha firmato il decreto per l’emissione di bond pari a 1,45 miliardi di euro, Banco Popolare perde il 2,11% a 4,88 euro. Questa operazione permetterà al titolo bancario di arrivare ad un Core Tier 1 del 6,3%. Tra gli altri bancari da segnalare Ubi Banca con un +1,39% a 9,46 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>