Enel Green Power si espande in Andalusia

di Redazione Commenta

A darne notizia in data odierna è stata proprio la controllata del colosso elettrico ed energetico Enel S.p.A. nel precisare come il parco eolico si trovi vicino Granada, in Andalusia.

Si chiama “Padul”, ovverosia con lo stesso nome del Comune dove si trova. Stiamo parlando di un impianto eolico che, con una potenza complessiva cumulata pari a 18 MW, è stato messo in esercizio dalla società quotata in Borsa a Piazza Affari Enel Green Power S.p.A..

A darne notizia in data odierna è stata proprio la controllata del colosso elettrico ed energetico Enel S.p.A. nel precisare come il parco eolico si trovi vicino Granada, in Andalusia. Trattasi di un impianto che, capace di produrre a regime, ed annualmente, oltre 37 milioni di kWh di energia elettrica, permetterà un risparmio di anidride carbonica (CO2) non immessa in atmosfera pari all’incirca a 28 mila tonnellate.



INVESTIRE PUNTANDO AI DIVIDENDI, OCCHIO AI RISCHI

L’impianto eolico “Padul” di Enel Green Power funziona con nove turbine aventi ciascuna una potenza pari a 2 MW, e si va ad aggiungere ai 219 MW di potenza installata in Andalusia, da parte della società italiana, a fronte di 1.828 MW totali di potenza tra Portogallo e Spagna. Nei due Paesi EGP opera attraverso la Enel Green Power España, società controllata al 40% da Endesa ed al 60% da Enel Green Power S.p.A..

AZIENDE SCALABILI DI PIAZZA AFFARI

In accordo con quanto dichiarato dall’Amministratore delegato di Enel Green Power, Francesco Starace, la società sta procedendo nel completamento dell’installazione di quegli impianti che sono stati già inseriti nel cosiddetto pre registro in linea tra l’altro con quelli che sono gli obiettivi ed i target del proprio piano industriale già presentato ed illustrato al mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>