Impregilo legata all’ampliamento del canale di Panama

di Alessandro Bombardieri Commenta

Impregilo ha chiuso la giornata in netto calo...

E’ stata una buona giornata quella di ieri in borsa dopo qualche giorno in cui le cose stavano andando molto male, a far rialzare le piazze europee ci hanno pensato i dati che arrivavano dagli Stati Uniti riguardanti le richieste di sussidio di disoccupazione, molto inferiori rispetto a quanto si aspettavano gli analisti.

A Milano il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dell’1,18% a 18.158 punti, l’All Share +1,02% a 18.850. Bene anche le altre piazze europee, Cac40 di Parigi +0,53%, Dax di Francoforte +1,25% e Ftse di Londra +0,44%.

Impregilo ha chiuso la giornata in netto calo, -2,16%, in seguito all’apertura delle buste per la gara per i lavori di ampliamento nel canale di Panama, ed è risultata la più bassa avendo formulato un’offerta di 3,12 miliardi di dollari, comunque il futuro di Impregilo non è ancora segnato e solo nelle prossime settimane si avranno riscontri definitivi su questa vicenda.

Ottima seduta per i titoli bancari invece: Unicredit +1,97%, Intesa San Paolo +2,69%, Banco Popolare +1,09% mentre in controtendenza troviamo Ubi Banca a -2,05% e Pop Milano a -1,69%.

Ieri il governo tedesco ha chiesto tempo per decidere sul futuro di Opel, dichiarando che saranno prese in considerazione ancora tutta le offerte, quella di Fiat compresa, che ieri ha segnato un ottimo +2,13%.

Nel settore oil da segnalare Saipem a +3,33% che beneficia del giudizio di Nomura che ha alzato il target price da 14 euro a 18 euro, con giudizio neutral. Eni invece, nonostante un target price passato a 19 euro con giudizio buy ha chiuso in rialzo solamente dello 0,5%. Tra gli altri Finmeccanica -0,61% e Pirelli +4,56%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>