Possibile modifica piano Unipol Fondiaria Sai non esclusa

di Stefania Russo Commenta

Secondo quanto riportato da alcune fonti finanziarie, possibili modifiche al piano Unipol-Fondiaria Sai aventi ad..

Secondo quanto riportato da alcune fonti finanziarie, possibili modifiche al piano UnipolFondiaria Sai avente ad oggetto la fusione a quattro insieme a Milano Assicurazioni e Premafin non sono escluse dai vertici delle società coinvolte, a patto che tali modifiche vengano effettuate su esplicita richiesta dell’Isvap.

Al momento, dunque, l’unico piano esistente è quello già annunciato, non esisterebbero quindi piani alternativi qualora questo non dovesse ricevere il via libera da parte dell’Isvap, ne deriva quindi che in caso di parere contrario sarà necessario procedere alle necessarie modifiche.

MILANO ASSICURAZIONI SOSPESA PER ECCESSO DI RIALZO

Secondo gli esperti, in particolare, è possibile che l’Isvap chieda che dalla fusione venga esclusa Premafin, alla luce dell’elevato indebitamento della società, pari a circa 320 milioni di euro, che a seguito di tale operazione andrebbe quindi a trasferirsi nel nuovo polo assicurativo influendo in maniera rilevante sulla tenuta dei margini di solvibilità.

FONDIARIA SAI IN RIALZO PER INCONTRO LIGRESTI AXA

Se la decisione dell’Isvap dovesse essere questa, dunque, è probabile che si deciderà di procedere ad una fusione che coinvolgerà solo le tre compagnie assicurative, lasciando quindi a Premafin il ruolo di holding. Nel frattempo si stanno cercando delle possibili soluzioni al problema dell’elevato indebitamento della holding: nei giorni scorsi, infatti, Unipol ha chiesto alle banche creditirici di Premafin di ristrutturare l’indebitamento anche tramite un convertendo in azioni del nuovo gruppo assicurativo da 150 milioni in tre anni.

Per quanto riguarda invece le iniziative di Palladio e Sator, attraverso una nota diffusa nelle scorse ore il Consiglio di amministrazione di Premafin ha comunicato di aver esaminato lo scorso giovedì la proposta presentata da parte di Sator Capital Limited e Palladio Finaziaria S.p.a. avente ad oggetto un’offerta vincolante per l’investimento nel capitale di Premafin finalizzata alla realizzazione di un progetto di investimento, affermando però di non essere in grado di assumere allo stato attuale alcuna deliberazione in proposito, alla luce del patto di esclusiva con Unipol e del no delle banche ad una rinegoziazione alternativa del debito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>