Titolo Fiat Spa

di Redazione 2

Fiat SpA ha aperto stamane le contrattazioni a Piazza Affari a 7,04 euro, un risultato superiore alla media del consensus, ferma a 6,65 euro..

Aggiornamento 10/01/2011
Nella sua prima settimana di quotazione Fiat Spa ha superato Fiat industrial registrando un incremento complessivo del 13% e ricevendo il consenso degli analisti, che hanno accolto positivamente la decisione del Lingotto di separare il comparto auto da quello dei veicoli industriali e agricoli sdoppiando la quotazione in Borsa.

Ubs ha avviato la copertura sul titolo con raccomandazione “buy” e target price a 8 euro, mentre Morgan Stanley ha fissato raccomandazione “buy” e target price a 10 euro, ossia il 50% in più rispetto ai 6,696 euro che rappresentano il prezzo di partenza fissato da Borsa Italiana nel primo giorno di quotazione.

Oggi a Piazza Affari il titolo registra un rialzo di oltre un punto percentuale a 7,52 euro, nonostante la giornata in rosso del listino milanese.


Aggiornamento 05/01/2011
A Piazza Affari Fiat Spa poco dopo le 13:00 segna una flessione dello 0,40% a 7,445 euro, complice anche la valutazione negativa arrivata da Deutsche Bank, che ha rivisto al ribasso il rating sull’azione portandolo da “buy” a “hold” e fissato un target price a 7,50 euro.

La banca tedesca ha motivato la sua decisione spiegando che secondo le sue previsioni nel corso del 2011 e del 2012 per la casa automobilistica torinese le generazioni di cassa saranno piuttosto sfavorevoli, aggiungendo che l’assenza di modelli di business probabilmente sarà causa di un andamento insoddisfacente.

Aggiornamento 04/01/2011
All’indomani del suo debutto in Borsa il titolo Fiat Spa registra un ulteriore rialzo, registrando intorno alle 14:30 un +6,26% a 7,465 euro.

Il titolo della casa automobilistica torinese ha beneficiato soprattutto delle valutazioni positive arrivate dagli analisti. Citigroup, infatti, ha assegnato a Fiat Spa un rating “buy” e un target price che passa a 8,4 euro, rating “buy” anche da parte di Ubs che ha assegnato al titolo un target price a 8 euro. Barclays Capital ha fissato un rating “overweight” e un target price a 8 euro mentre Credit Suisse e Mediobanca hanno confermato il rating precedente, rispettivamente a “neutral” e “outperform”.

03/01/2011
Fiat SpA ha aperto stamane le contrattazioni a Piazza Affari a 7,04 euro, un risultato superiore alla media del consensus, ferma a 6,65 euro, anche se alcuni analisti erano arrivati ad ipotizzare una quotazione a 7,6 euro.

Quel che è certo è che permane l’ottimismo sui due titoli derivanti dalla scissione delle azioni della casa automobilistica torinese. Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa Italiana, ha fatto sapere di aspettarsi un grande interesse per questa scissione e di essere molto ottimista in merito all’andamento dei due titoli.

Poco dopo le 12:30 il titolo è a quota 6,95 euro, in calo dunque rispetto al prezzo di apertura di stamane, mentre intorno alle 15:30 risale a 7,035 euro.

Tutto sommato, dunque, il debutto in Borsa di Fiat Spa, scorporata dal settore dei veicoli commerciali e agricoli, può dirsi soddisfacente. La somma dei due titoli, inoltre, risulta superiore del 2% circa rispetto al prezzo di chiusura del titolo Fiat di venerdì scorso.

L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, presente presso la sede della Borsa Italiana per assistere al debutto dei due titoli, ha confermato le voci secondo cui esiste una concreta possibilità che Fiat salga al 51% di Chrysler entro fine 2011, ma solo nel caso in cui la casa americana riuscisse a tornare in Borsa entro la fine di quest’anno.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>