Titolo Lottomatica bocciato da Bank of America

di Redazione Commenta

Le previsioni Lottomatica 2011-2012 vedono un trend positivo sia per l'esercizio in corso che per il prossimo anno, basti pensare che nel corso del periodo...

Le previsioni Lottomatica 2011-2012 vedono un trend positivo sia per l’esercizio in corso che per il prossimo anno, basti pensare che nel corso del periodo compreso tra gennaio e dicembre 2011 l’azienda ha registrato una crescita di oltre il 50% dei ricavi.

Nonostante questo, tuttavia, Bank of America Merrill Lynch ha comunicato stamane di aver tagliato sia il rating che il target price sul titolo, portandoli rispettivamente da “buy” a “neutral” e da 17,5 a 12 euro.

BILANCIO TRIMESTRALE LOTTOMATICA LUGLIO SETTEMBRE 2011

In altre parole, dunque, gli esperti della banca americana hanno preferito adottare un atteggiamento più cauto nei confronti del titolo, non consigliandone più di fatto l’acquisto agli investitori.

RACCOLTA LOTTOMATICA OTTOBRE 2011 TRASCINATA DAL LOTTO

Il motivo è da ricercare nel difficile quadro macroeconomico che caratterizza il mercato italiano e che secondo la banca d’affari americana avrà un impatto negativo sull’attività del gruppo. Il netto peggioramento della situazione nel corso degli ultimi mesi e le previsioni non positive per quelli a venire (gli esperti stimano un miglioramento non prima della seconda metà del prossimo anno), secondo Bank of America influiranno negativamente, nonostante il miglioramento registrato nel settore delle lotterie, soprattutto in considerazione del fatto che le attività italiane di Lottomatica producono ben il 75% dell’Ebitda della società.

A Piazza Affari il titolo Lottomatica risente della valutazione negativa arrivata dalla banca americana e nel primo pomeriggio segna una flessione dello 0,51% a 11,67 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>