Buoni frutttiferi postali e Btp Italia, le due emissioni chiave di questo mese

di Redazione Commenta

Il 14 aprile ci sarà la una nuova emissione, la sesta, del Btp Italia. Dai 4 anni iniziali delle prime emissioni si passa a 6 anni e il collocamento sarà diviso in due fasi: i primi 3 giorni saranno riservati al retail, mentre l’ultimo giorno, il 17 aprile sarà riservato agli investitori istituzionali.Rimangono uguali le caratteristiche finanziarie del titolo, per cui sarà garantito un premio di fedeltà a chi acquista e mantiene il titolo fino alla scadenza, fedelmente a quanto stabilito nelle precedenti emissioni. I Btp Italia potranno essere sottoscritti attraverso la propria home banking per l’accordo stipulato tra il Tesoro e Borsa Italiana. Il gruppo London Stock Exchange Group metterà a disposizione la propria piattaforma digitale per l’acquisto dei Btp Italia. Il taglio minimo acquistabile resta di mille euro o multipli.

Btp Italia, presente nella piattaforma del London Stock Exchange Group

Nel mese di aprile ci saranno le nuove emissioni di buoni fruttiferi. Diverse le nuove offerte di Buoni fruttiferi della Cassa depositi e prestiti disponibili presso gli sportelli postali. L’offerta allo sportello può includere anche una componente derivata (le opzioni), come il Buono Europa.

I Buoni si possono sottoscrivere anche solo con 50 euro nella versione cartacea, non hanno spese di commissioni, gestione o custodia ed hanno un’esenzione dall’imposta di bollo sotto i 5 mila euro; e vengono emessi a 100 (alla pari) e rimborsati, anche prima della scadenza, sempre alla pari. Inoltre, i Buoni postali hanno sempre la garanzia statale e possono essere sottoscritti per lungo tempo, dopo il momento dell’emissione, fino a quando non vengono sospesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>