Borse deboli in avvio, Fiat 500 costruite a Toluca?

di Alessandro Bombardieri Commenta

Le borse europee hanno iniziato in territorio negativo la nuova settimana...

Le borse europee hanno iniziato in territorio negativo la nuova settimana, soprattutto a causa delle decise perdite fatte registrare nei mercati asiatici, dove l’indice Nikkei di Tokio ha perso nella nottata italiana il 3,1%, ma questi cali sono ancora lo strascico della brutta chiusura di venerdì scorso della borsa americana.

A Wall Strett la settimana si era conclusa con il Dow Jones a -0,82% e il Nasdaq a -1,19% dopo il dato deludente sulla fiducia dei consumatori Usa.

In questo momento in Europa, l’indice Ftse Mib di Milano cede lo 0,31%, il Cac di Parigi perde lo 0,77%, il Dax di Francoforte -0,9% mentre il Ftse di Londra è a -0,77%.

In avvio di sedute dobbiamo segnalare anche il repentino cambio dei prezzi del petrolio, il Wti con consegna a settembre arretra dell’1,33% a 66,62 dollari al barile, il Brent con consegna a ottobre scende dello 0,88% a 70,72 dollari al barile. Di conseguenza i titoli del settore oil lasciano sul campo parecchio: Saipem -1,17%, Tenaris -1,13% ed Eni -1%.

Come se non bastasse a preoccupare il governo americano ci sono anche le ultime mosse sulla politica energetica italiana adottate dal premier Silvio Berlusconi, infatti l’accordo firmato in Turchia tra Turchia stessa e Russia sul gasdotto South Stream non è piaciuto molto all’amministrazione Obama.

Secondo gli Usa questa mossa non farebbe altro che aumentare la dipendenza da Mosca.

In avvio di seduta da segnalare anche il calo di Fiat, -1,51% a quota 8,17 euro, dopo le notizie riguardanti la produzione delle 500 nello stabilimento messicano di Toluca, di proprietà di Chrysler.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>