Cresce il settore auto, bene Fiat e Pirelli

di Alessandro Bombardieri Commenta

Fiat ha chiuso sui massimi di giornata in rialzo del 5,32%...

Quella di ieri è stata un’altra giornata positiva per la borsa mondiale, ma soprattutto per Piazza Affari, che per l’ennesima volta è stata la miglior piazza del Vecchio Continente, il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dell’1,3% e l’All Share ha guadagnato l’1,19%.

Anche le altre borse europee si sono mosse bene, tutte spinte dal buon andamento di Wall Street, e poteva andare ancora meglio se dagli Usa non fossero giunte le notizie del dato sulle vendite al dettaglio di luglio, tornate a scendere dopo il +0,8% di giugno. Parigi +0,48%, Francoforte +0,96% e Londra +0,82%.

Bene il comparto bancario con molti titoli che hanno fatto registrare notevoli rialzi, tra tutti spicca Mediobanca a +1,88% a 9,73 euro che ha beneficiato della conferma dell’interesse per le attività di Investment Banking da parte dell’istituto del Lussemburgo, Sal Oppenheim. Comunque, come detto dalla banca stessa, non ci sarà niente prima che la Sal chiuderà le sue trattative con Deutsche Bank.

Mps +3,03% a 1,46 euro, Unicredit +2,83% a 2,45 euro, Intesa Sanpaolo +1,48% a 2,92 euro mentre ha perso Popolare Milano (-0,78%).

Fiat invece ha chiuso sui massimi di giornata in rialzo del 5,32% dopo la parola fine alla telenovela Magna-Opel. Il gruppo del Lingotto ha beneficiato anche della diffusione dei nuovi target annui di vendite all’estero della joint venture con Tata Motors.

Nel settore auto bene anche Pirelli (+3%) grazie anche all’annuncio di Ford che aumenterà la produzione di auto per venire incontro alla sempre più crescente domanda.

Tra gli altri titoli da segnalare Saipem a +0,53%, Eni a +0,68%, Tenaris a +1,97%, Buzzi Unicem a -0,64% a 10,91 euro e Snam Rete Gas +1,45%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>