Il Nasdaq sopra 4 mila punti tra ottimismo sull’economia Usa e rischio bolla

di Carlo Valuta Commenta

 Il Nasdaq ha superato la quota simbolica del 4 mila punti ed ha portato gli esperti a interpretare questa crescita in diversi modi. Il Nasdaq non arrivava a questi risultati da 13 anni, nel 2000, quando con il nuovo millennio c’era stata una sorta di passaggio alla new economy legata alle innovazioni e a Internet.

L’analisi di questa crescita vede gli esperti dividersi su posizioni molto diverse e anche opposte in alcuni casi. C’è chi parla del fatto che è la dimostrazione che gli Stati Uniti sono usciti dalla crisi, vedendo in questi dati la crescita dell’economia Usa; e c’è chi invece paventa una nuova bolla capace di creare ulteriori problemi all’economia a americana e a quella internazionale.

Il fatto che la Federal Reserve ha continuato a stampare moneta spiega la crescita di tutti gli indici di Borsa americani. Dall’inizio di quest’anno, il Dow Jones è cresciuto del 23%, lo Standard & Poor’s 500 del 26% e il Nasdaq del 33%. Il listino dei tecnologici ha quindi realizzato la crescita più alta. Il confronto con gli anni ’90 e con la California, con lo sviluppo della Silicon Valley è inevitabile e si notano anche le caratteristiche comuni tra i due periodi di imprese giovani e in grande crescita. In Borsa si vedono aziende nate da pochi anni e sono sempre di più i collocamenti, tra queste Twitter. La capitalizzazione di Twitter è superiore a 2 miliardi, non ci sono ancora profitti e bisogna comprendere se le aspettative future siano realistiche o eccessive.

Il Nasdaq ha quindi superato la soglia dei 4 mila punti, ma il livello più alto è stato raggiunto a 5 mila 048 punti più di 13 anni fa. Si era all’inizio della new economy e quel livello è difficile da raggiungere ora. Su questi aspetti si cerca di esorcizzare l’idea di rischi speculativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>