Previsioni dividendi 2011

di Stefania Russo Commenta

La maggior parte delle aziende quotate a Piazza Affari hanno iniziato la loro progressiva ripresa, che in alcuni casi è stata anche piuttosto veloce e inaspettata..

La maggior parte delle aziende quotate a Piazza Affari hanno iniziato la loro progressiva ripresa, che in alcuni casi è stata anche piuttosto veloce e inaspettata, questo porta dunque a credere che il 2011 sia un anno molto proficuo dal punto di vista dei dividendi.

A pochi giorni dallo stacco delle cedole 2010, infatti, gli investitori hanno già iniziato a fare i primi calcoli su quelli che potrebbero essere i titoli capaci di fornire un rendimento più elevato, anche se è possibile che si tratterà soltanto di una sorta di premio di consolazione dal momento che, nonostante la ripresa, le quotazioni dei titoli a Piazza Affari dall’inizio dell’anno sono calati del 15%.


Secondo gli esperti, tuttavia, le aziende che forniranno dividendi più redditizi saranno soprattutto quelle che operano nel settore delle utilities, dell’energia e nel settore finanziario, in particolare le compagnie assicurative.


A riguardo CorrierEconomia ha stilato una classifica dei titoli che, in base alle previsioni, dovrebbero distribuire per il 2011 un rendimento più elevato. Al primo posto troviamo A2A con un rendimento dell’8,42%, seguito da Enel e Eni, con un rendimento rispettivamente del 7,47% e del 6,70%.

A seguire troviamo Snam Rete Gas (6,52%), Terna (6,33%), Lottomatica (6,24%), Mediaset (6,10%), Unipol (5,95%), Telecom Italia (5,94%), Atlantia (5,34%), Fondiaria-Sai (5,32%) e Geox (5,10%). Seguono poi, con rendimenti inferiori al 5% e superiori al 3%, Intesa Sanpaolo, Finmeccanica, Mediolanum, Ubi Banca, Mediobanca, Assicurazioni Generali, Pirelli & C. e Banca Popolare di Milano.

Si tratta, tuttavia, di cifre orientative suscettibili di cambiamenti anche piuttosto drastici, le aziende fino ad ora hanno infatti diffuso i risultati solo relativi al primo trimestre, mancano ancora nove mesi di attività durante i quali può accadere di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>