Euro forte contro dollaro e sterlina

di Alessandro Bombardieri 1

Addirittura si prospettano nuovi guadagni per la moneta unica europea...

Come già scritto ieri il dollaro è in un periodo di grande debolezza, nei confronti di tutte le altre principali monete estere.

Come spiegato dagli esperti, il biglietto verde mostra un deficit di forza relativa, oltre a pagare gli effetti delle ultime dichiarazioni di Ben Bernanke, presidente della Fed, che in occasione di un discorso tenuto a inizio ottava al college di Providence nel Rhode Island, non ha escluso nuovi interventi di quantitative easing per sostenere il sistema finanziario americano.

Il dollaro ha così continuato a perdere, anche contro lo yen, nonostante la decisione della Bank of Japan di tagliare i tassi d’interesse riportandoli allo zero, in questo modo il dollaro è tornato su valori di metà anni 90, attorno a quota 80 yen.

Il dollaro comunque è debole anche nei confronti dell’euro, infatti è stata raggiunta la soglia psicologica di 1,40. Addirittura si prospettano nuovi guadagni per la moneta unica europea, con un primo obiettivo a quota 1,42 ed un secondo a 1,45-1,46.

Viceversa solo il ritorno sotto la resistenza di 1,38 potrà invertire il trend di breve periodo.

Comunque l’euro si dimostra forte anche contro la sterlina inglese, scambiando attorno a quota 0,870. Il primo obiettivo è 0,885-0,887, mentre al ribasso è importante tenere il supporto di 0,860.

Il presidente della Bce Jean-Claude Trichet è comunque preoccupato dai recenti guadagni dell’euro, che testimoniano una grande volatilità sui mercati. Secondo Trichet il rafforzamento eccessivo dell’euro creerà problemi alla ripresa dell’Europa.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>