Crisi debiti sovrani effetti sugli Usa

di Alessandro Bombardieri Commenta

Un sondaggio della Market Forecast Projet su 300 investitori professionisti americani, ha fatto vedere come il 66% pensa che la crisi greca non avrà contraccolpi sulle borse mondial.

A quanto pare in America non possono dormire sonni tranquilli per quel che riguarda gli effetti della crisi greca, che potrebbe avere ripercussioni sull’Europa.

Wall Strett nella scorsa ottava è cresciuto solamente dello 0,6%, sebbene tra gli operatori si sia registrato un grosso ottimismo. Infatti il problema dei debiti sovrani inizia a farsi sentire anche negli States, non solo nei ragionamenti degli economisti, ma per la prima volta nel comportamento dei titoli di stato e delle obbligazioni.

Fino a questo momento infatti l’attenzione degli americani si era spostata sul coniare nuove sigle divertenti usando le iniziali dei paesi europei, come Piigs o Stupid, ma ora dovranno affrontare anche loro il problema.

Un sondaggio della Market Forecast Projet su 300 investitori professionisti americani, ha fatto vedere come il 66% pensa che la crisi greca non avrà contraccolpi sulle borse mondiali, figuriamoci su quella di New York.

Ma a quanto pare si sbagliano perchè nei giorni scorsi i rendimenti dei Treasury decennali sono volati verso l’alto, arrivando al 3,9%, valore che rappresenta il massimo degli ultimi 10 mesi, pareggiando il risultato del 2007.

Le preoccupazioni sui debiti sovrani europei hanno cominciato a trasferirsi negli Usa ed un’altra conferma di questo arriva dal fatto che il tasso swap è di 7-8 centesimi inferiore a quello del titolo di stato decennale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>