Fiat vuole vendere 20.000 Thema all’anno

di Verna Vito Commenta

Il rilancio della Fiat passa attraverso la valorizzazione del marchio Lancia.

Il progetto di rilancio avviato da Fiat, sebbene ancora stenti a mostrare i propri frutti, sarebbe lanciato a gonfie vele e sarebbe ormai inarrestabile sebbene le bocciature, che rimarcano quanta strada ancora vi sia da percorrere, non manchino di certo.


L’ultima, in ordine cronologico, risale soltanto a ieri e ha riguardato Fiat Industrial che, da JPMorgan&Chase, si sarebbe vista ridurre rating e prezzo obiettivo.

Come che sia, comunque, il gruppo è ben trainato dal comparto auto e le dichiarazioni di queste ore lascerebbero chiaramente intendere che le ambizioni sono molte e importanti ma, certamente, non irraggiungibili.

TITOLO FIAT INDUSTRIAL BOCCIATO DA JP MORGAN

La prima, come dichiarato da Saad Chehab, sarebbe quella di procedere al completo rilancio del marchio Lancia, brand di lusso che, da sempre, ha portato ottimi introiti grazie ai mercati esteri, e che può fregiarsi di due nuovi eccezionali modelli, come la Lancia Thema e la Lancia Voyager, basati su modelli Chrysler, che sicuramente riconquisteranno il cuore degli anglosassoni convincendoli a tornare a compare le auto del Lingotto.

Lo scopo sarebbe quello, molto delicato, di arrivare a competere, nel segmento Premium europeo, con vetture del calibro di Audi, Bwm e Mercedes e per farlo sarà necessario puntare sul marketing, affinché possa passare il giusto messaggio (ovverosia la qualità delle berline create da Chrysler) e sul prezzo, molto concorrenziale, così da attrarre un più vasto target.

L’obiettivo, per lo meno nei confronti della nuova Lancia Thema, sarebbe quello di riuscire a vendere circa 20.000 vetture all’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>