Grecia raggiunge accordo sul piano di austerità

di Stefania Russo Commenta

Buone notizie in merito al futuro dell'economia della zona euro arrivano dalla Grecia. Il premier greco Papademos...

Buone notizie in merito al futuro dell’economia della zona euro arrivano dalla Grecia. Il premier greco Papademos e i partiti politici del paese sono infatti riusciti a trovare un accordo sulle misure di austerità necessarie per ottenere nuovi aiuti ed evitare così il default.

L’adozione di tali misure, ricordiamo, era stata espressamente richiesta ad Atene dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale per la concessione di un nuovo pacchetto aiuti.

IPOTESI FALLIMENTO GRECIA A MARZO

A confermare il raggiungimento dell’accordo è stato anche il presidente della Bce, Mario Draghi, che nel corso della conferenza stampa che ha seguito la consueta riunione di politica monetaria del Consiglio direttivo, ha spiegato di aver appreso la notizia direttamente dal premier greco Papademos, che lo ha avvertito con una telefonata. Draghi non ha invece voluto commentare i rumors su un possibile intervento della Bce ai fini della ristrutturazione del debito greco.

PREVISIONI ECONOMICHE 2012

Questa sera è prevista una riunione dell’Eurogruppo, durante la quale verrà anzitutto esaminata la situazione greca e successivamente verrà dato il via libera al prestito.

Nel frattempo i sindacati greci hanno confermato lo sciopero generale previsto per venerdì e sabato. In merito ai contenuti del piano, in particolare, le fonti si sono limitate a riferire che i 300 milioni di euro necessari per ottenere gli aiuti arriveranno da tagli alla spesa e da altri settori, senza fornire ulteriori dettagli.

In ogni caso la notizia del raggiungimento dell’accordo ha spinto al rialzo le principali borse europee, compresa Piazza Affari dove l’Ftse MIB segna un rialzo dello 0,79%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>