Inflazione Italia 2013 in progressivo rallentamento

di Filadelfo Scamporrino Commenta

La discesa percentuale su base tendenziale è quindi dello 0,1% visto che a dicembre del 2012 l’indice aveva fatto registrare rispetto al mese di dicembre del 2011 un aumento del 2,3%.

Dopo un’inflazione media al 3% nel 2012, in Italia i prezzi al consumo, anche se con una dinamica lenta, si stanno via via raffreddando. Questo stando alle rilevazioni preliminari dell’Istat per il mese di gennaio del 2013, da cui è emersa un’inflazione in aumento dello 0,2% rispetto a dicembre 2012, e del 2,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ovverosia confrontato con il mese di gennaio del 2012.

La discesa percentuale su base tendenziale dei prezzi al consumo è quindi dello 0,1% visto che a dicembre del 2012 l’indice aveva fatto registrare rispetto al mese di dicembre del 2011 un aumento del 2,3%. In base ai dati provvisori Istat il valore di gennaio 2013 porta in proiezione annua l’inflazione già acquisita a +0,8%.



ECONOMIA ITALIANA TRA INFLAZIONE E PRESSIONE FISCALE

L’Istat ha spiegato il calo tendenziale dei prezzi al consumo con la dinamica cedente dei prezzi energetici, mentre sono aumentati nel mese i prezzi relativi ai generi alimentari non lavorati con in testa i vegetali freschi. Buono il dato relativo al sotto indice dei prezzi al consumo dei beni acquistati con maggior frequenza che a gennaio 2013 registra su base annua un +2,7% rispetto al +3,1% del mese di dicembre del 2012.

TASSI MUTUO IN CADUTA LIBERA

Appresi i dati preliminari dell’Istituto Nazionale di Statistica (Istat) del mese di gennaio del 2013, la Federconsumatori, di contro, afferma di non rilevare alcuna frenata dell’inflazione specie per quei prodotti che sono a maggiore frequenza d’acquisto. Questo perché secondo l’Associazione il carovita è così imperante che gli italiani stanno profondamente modificando le proprie abitudini di consumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>